Presentazione del progetto e Credits

Il 2 aprile 2012 è stata sottoscritta una convenzione tra il soggetto attuatore del Distretto Culturale di Valtellina - Fondazione di Sviluppo locale - e due tra le associazioni culturali più rappresentative del territorio: Società Storica Valtellinese e Associazione culturale “Ad Fontes”.
Le due associazioni, che hanno lavorato in collaborazione con il Museo Valtellinese di storia e arte di Sondrio (MVSA), hanno redatto 63 schede di studio e di valorizzazione: protagonista di questo lavoro è stata “La via dei terrazzamenti”.
In questo progetto sono stati coinvolti numerosi autori, sia per la produzione dei testi sia per la loro illustrazione: nomi affermati insieme a giovani alle prime esperienze, figure locali e studiosi provenienti da altri contesti geografici. Insieme è stata costituita una squadra di lavoro inedita e inusuale, dal profilo culturale interdisciplinare.

 

 

Presidente Fondazione di Sviluppo Locale
Sergio Schena

Presidente “Società Storica Valtellinese”
Augusta Corbellini

Presidente Associazione culturale “Ad Fontes”
Ugo Zecca

Coordinatrice delle associazioni culturali
Angela Dell’Oca

Editing
Rita Pezzola, Aliter sas

Ricerca Iconografica
Annalisa Azzalini, Aliter sas

Elaborazioni grafiche
Marco Brigatti, Rezia Design

Autori dei testi
Alessandro Caligari
Augusta Corbellini
Bruno Ciapponi Landi
Dario Benetti
Diego Zoia
Elisa Gusmeroli
Evangelina Laini
Felice Rainoldi
Franca Prandi
Francesca Bormetti
Gianluigi Garbellini
Gianmario Bonfadini
Giulio Perotti
Guglielmo Scaramellini
Maria Aurora Carugo
Mario Giovanni Simonelli
Massimo Romeri
Paola Bordigone
Pierangelo Melgara
Piergiovanni Damiani
Remo Bracchi
Renzo Fallati
Saveria Masa
Silvia Papetti
Silvia Perlini
Veronica Dell’Agostino
Autori delle foto
Angela Dell’Oca
Angelo Sertorelli
Anna Damiani
Federico Pollini
Fondazione Fojanini
Gianpaolo Palmieri
Ivan Previsdomini
Jacopo Merizzi
Marco Brigatti
Museo Valtellinese di Storia e Arte (MVSA)
Pamela Morellini
Silvia Perlini
Ugo Zecca

 

E, oltre agli autori, un ruolo fondamentale è stato quello di parroci, amministratori, associazioni, biblioteche e, soprattutto, quello di numerosi abitanti, che con generosa disponibilità, hanno condiviso la memoria dei luoghi.
Un ringraziamento particolare a Massimo Della Misericordia, ad Alessandro Rovetta e a don Andrea Straffi, nonché a tutti i partner dell’azione I che hanno reso accessibili i loro archivi fotografici.